venerdì 16 novembre 2012

Finché non cala il buio - Charlaine Harris


Titolo: Finché non cala il buio
Autore: Charlaine Harris
Pagine: 368
Titolo originale: Dead until dark

Voto: 


Seriamente, ci stiamo prendendo in giro? 

La colpa è mia, che mi faccio abbindolare come una cretina da queste porcate.. Non posso crederci che me l'abbiano spacciato come un romanzo (nonché serie) meraviglioso. 
Piango. 
Prima di tutto, mi preme sottolineare come la Harris NON sappia scrivere. Sì ok, al pensierino di Natale e al diario segreto ci può arrivare, forse.. Ma qui si parla di 300 pagine di narrazione. E la Harris fa veramente pietà.. Piattezza, per prima cosa.. Debolezza della trama (tirata per i capelli è dir poco.. Mi chiedo come possa tirar avanti per più di dieci volumi.. O.O) ..Caratterizzazione dei personaggi, questa sconosciuta? E perché mai? Sono tutti parecchio piacenti, che si fanno notare, Sookie per prima: in tutta la sua modestia si presente come bella e (implicitamente) sexi. Piace a tutti, e la storia che lei è pura e casta non regge proprio.. Da che è una vergine timorata di Dio quasi, finisce per andare con il superbo Bill al terzo incontro, praticamente. 
Poi mi sembrava mi stesse prendendo in giro, quando raccontava delle morti atroci di gente che conosceva, e soprattutto di sua nonna: "L'hanno uccisa, è piena di mosche.. Vabbé, nel frattempo l'aitante vicino mi si sta strusciando addosso. O.O 
La parte della nonna, donna con cui vive da quando aveva undici anni è terrificante: muore strangolata, sookie versa un buon numero di lacrime, poi si impossessa della camera matronale e si fa deflorare da un vampiro. COSA??? 
Imbarazzante oltre ogni dire è il modo in cui Sookie affronta gli abusi subiti da bambina dal prozio. I-N-U-T-I-L-I. Escono fuori mentre è in intimità con Bill, ma poi non hanno seguito. Nessuno sconvolgimento della psiche né tendenza a non far sesso (attività prediletta da quando Bill è entrato nella sua vita..). Perché dunque inserirlo? E soprattutto, perché inserirlo in modo così superficiale? 
Non voglio essere crudele e accanirmi, ma non stanno nemmeno in piedi i dialoghi, gli atteggiamenti di Sookie (secondo me è deficiente..) e il maldestro tentativo di creare suspense attorno all'assassino che si aggira per Bon Temps.. E dico maldestro perché praticamente girava con un cartello di riconoscimento sulle spalle: "Eccomi! Sono io l'assassino!! Non mi vedi? EHIII!!". 
Terribilmente patetico e imbarazzante. 
Non da ultimo, mi sfugge proprio perché la Harris abbia per forza dovuto inserire nel suo romanzo un mutaforma. Boh. E ovviamente di Elvis PResley sotto forma di vampiro ritardato. -.- 
E' anche parecchio fastidioso che lei si definisca Handicappata perchè legge nel pensiero. Mi sembra poco rispettoso nei confronti di chi un handicap ce l'ha sul serio!

Ah, e delle risate che mi avevano promesso, non ne ho trovata nemmeno l'ombra. E questo perché il tutto è di una piattezza allucinante.. Non c'è nemmeno l'idea di dialoghi brillanti o personaggi carismatici e arguti!


8 commenti:

  1. Mi dispiace che la pensi a questo modo... io adoro il modo di scrivere della Harris XD
    E seguo la serie che - nonostante non sia tra le mie preferite - senza dubbio mi piace!
    Mi piace molto di più la sua serie di Haper Connelly (se vedi sul blog trovi le recensioni) XD
    Comunque - scusa se te lo dico, ti voglio solo dare un consiglio - ma mi sei sembrata un po' troppo offensiva... penso tu abbia usato termini pesantini per una scrittrice che ha venduto milioni di libri... rischi solo di stare poco simpatica a chi viene per caso a leggere la recensione...
    Io personalmente, quando faccio una recensione negativa, cerco di portare comunque rispetto e di evidenziare anche i pochi aspetti positivi... e di spiegarmi per bene...
    Comunque è solo un consiglio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che io non ho trovato aspetti positivi ;)

      Elimina
    2. Un po' di rispetto però secondo me ci vuole sempre ;)

      Elimina
  2. Scusate se mi intrometto ma proprio non ce la faccio. Io non ho trovato la recensione eccessivamente offensiva, anzi capisco benissimo quando un libro ti ha deluso talmente tanto che a stento trattieni la rabbia. Io sulla saga Hush Hush ho scritto forse di peggio.
    Il fatto che abbia venduto milioni di copie e, se non sbaglio c'è anche una serie tv, non significa che sia obbligatoriamente un capolavoro (es. 50 sfumature).
    In ogni caso siamo tutte lettrici e non redattrici, perciò dispensare consigli secondo me non ha molto senso. Ognuno scrive quello che vuole, come vuole.
    Questo è il MIO personale pensiero.
    Amen.

    RispondiElimina
  3. Personalmente sulla saga di Fallen ho scritto molto peggio!
    L'importante è,secondo me,non offendere chi legge e ama questi libri,ma non per questo bisogna avere timore di esprimersi.
    Troppo spesso il politically correct viene spacciato per rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)) Ora devo leggere la recensione di Fallen! =P

      Elimina
  4. Mah non capisco :/ non avevo visto le vostre risposte!
    Secondo me insultare un'autrice che ha venduto milioni di libri dicendo che non sa scrivere e che i suoi libri sono porcate è come insultare tutti i suoi fan :/

    Poi se avete scritto di peggio mi dispiace per voi XD ci sono modi e modi... un po' di educazione non guasta ed è sicuramente meglio apprezzata!

    RispondiElimina